di Manuela Zennaro

Percorsi Kneipp: benessere nella natura

21 Ago 2023 | Wellness

Il metodo ideato dal Dott. Kneipp: sfruttando il beneficio dato dalle diverse temperature dell’acqua rafforza il sistema immunitario, stimola il metabolismo e facilita l’eliminazione delle tossine. Ecco dove praticarlo, all’aperto e spesso gratuitamente o a prezzi modici, in Trentino Alto Adige.

Trentino

San Bernardo (Val di Rabbi) | A pochi passi dall’ingresso del sentiero Valorz c’è un’area attrezzata all’interno della quale si trova un bel percorso da fare a piedi nudi. Per entrare si pagano 4 euro, che vale la pena vista la suggestiva area verde curata nei minimi dettagli, con fiori, fontane, sentieri e ruscello che vi si staglierà di fronte. La particolarità: oltre ai tradizionali percorsi con diversi fondali, sono molto interessanti e divertenti i fanghi da fare nel laghetto con l’argilla. L’area è aperta con orario continuato dalle 10 alle 18 indicativamente da inizio giugno a  metà settembre. Per prezzi ed orari sempre aggiornati clicca QUI; per maggiori info tel. 0463 98504 | Noi l’avevamo provato per voi QUI 

Amblar (Val di Non) | Un percorso in Alta Val di Non dove passeggiare a piedi nudi attraverso dei tratti d’acqua fresca del ruscello che scende dalla montagna, alternati a tratti da percorrere tra sassolini di vario tipo, legni e corteccia. Sempre aperto.

Transacqua (Primiero) | I giardini del benessere Navoi sono un’oasi di benessere all’aperto grazie al percorso Kneipp a secco e non fa mancare attimi di bellezza con le aiuole fiorite e i passaggi multi-sensoriali. Il tutto arricchito dallo spettacolo delle Pale di San Martino. Molto suggestiva l’installazione nebulosa. Maggiori info QUI

Percorso sensoriale barefoot “Fata Gavardina” (Ledro – Val Concei) | Si tratta di un tracciato di 160 metri costruito vicino al Rifugio al Faggio aperto in questa estate 2023. Noi lo abbiamo già provato e raccontato QUI. Grazie a un corrimano in larice questo percorso è accessibile anche alle persone non vedenti o ipovedenti o con altre disabilità motorie. Si appendono le scarpe su degli appositi “alberi“ in legno, e si comincia a camminare su un sentiero che presenta diversi fondali: pietre grosse, sassolini, lastre in pietra, cortecce, tronchi disposti in diversi modi e persino gusci di pinoli. É la prima parte “a secco”, al cui termine si trovano giochi per esercitare la capacità prensile dei piedi ed una slackline (fettuccia tesa tra due alberi) per l’equilibrio. Per finire, si passa nella vasca del fango e a seguire alla passeggiata sul fondo di un ruscello dove si alternano sabbia, ghiaia, pietre e ciottoli, mentre la fresca acqua che scende da Cima Gavardina completa il massaggio e il risveglio sensoriale dei piedi.  Alla fine del percorso, grazie a una canaletta sospesa realizzata in assi di larice che raccoglie le acque di un corso laterale del Rio Assat, ci si può lavare i piedi. Il parco è aperto da aprile a ottobre e l’ingresso è libero. QUI info

Parco delle terme (Comano) | Il grande parco delle terme è il luogo perfetto per riconnettersi con la natura ed è la location in cui sono nate le proposte “Terme di Comano Complete Natural Wellness” che comprendono forest bathing e un percorso sensoriale nel bosco. Ve lo avevamo raccontato QUI. Si tratta di un sentiero tra gli alberi da affrontare a piedi nudi lungo una sequenza di undici “stazioni sensoriali”, ciascuna delle quali composta da materiali diversi per stimolare i sensi, anche l’acqua per il Kneipp. QUI maggiori info

Zen Trekking – Bare Feet Trial (Tesino) | Su questo sentiero articolato si trovano, tra le altre cose, luoghi per il Bare Feet Trial, (camminata propriocettiva a piedi nudi) e per il Natural Kneipp |  Info QUI

Nambrone Dolomiti Natural Wellness (Campiglio) | Tra gli 8 percorsi in cui sperimentare  molte attività di benessere nella natura tra cui barefooting, treehugging e natural walking ce ne sono alcuni anche dedicati al natural kneipp. Si possono provare sia in forma organizzata all’interno del programma settimanale di attività (solo durante la stagione estiva, clicca QUI), che autonomamente grazie ai pannelli didattici. Per provare il barefooting e il kneipp potete percorrere i sentieri n. 3,5,6,7,8 che potete identificare QUI.

Alto Adige

Anterivo (al confine tra Val di Fiemme – Trentino e Alto Adige) Area ombreggiata ad ingresso gratuito raggiungibile in dieci minuti di passeggiata dal paese. Piccolina, ma ben tenuta. Breve percorso a pieni nudi, “bracciluvio” e doccia di legno che offre un risveglio gelato del corpo. Cartelloni in italiano e tedesco con tutte le spiegazioni. I bambini fino a 12 anni devono essere accompagnati da un adulto. Vietato l’accesso agli animali.

Rio Scaleres a Varna (Bressanone) | Si tratta del più antico percorso Kneipp realizzato in Alto Adige e si trova nell’area vacanze della Valle Isarco. Grazie alle acque del Rio Scaleres. Adiacente al percorso c’è anche un prato per il relax e attrezzi messi a disposizione per riattivare il corpo a 360° gradi.

Altafossa (Val Pusteria) | Un percorso di circa sei chilometri che si snoda lungo tutta la valle, e sempre percorribile. Sono diverse le postazioni con tabelle esplicative che spiegano bene il principio di questo metodo, le modalità di fruizione dei diversi punti (immersione dei piedi, immersione facciale) e anche degli esercizi di ginnastica per ritemprare completamente corpo e anima. Noi lo avevamo apprezzato durante la nostra escursione alla malga di Altafossa che abbiamo raccontato QUI

Trodena – questo percorso si trova a qualche minuto di passeggiata a piedi dal Ludwigshof Hotel nel Parco Naturale del Monte Corno e di fronte al grande parco giochi. Troverete una doccia fredda, una vasca dove immergere i piedi, una vasca per il viso e una vasca per le braccia. L’accesso è  libero e gratuito | Info: 0471 869078.

Scena (Merano) | Il nuovo impianto Kneipp sul Sentiero delle Rogge di Scena è lungo circa 6 metri e largo 1,30 metri e permette di godere di un panorama mozzafiato. Per saperne di più sul sentiero delle rogge leggete la nostra esperienza QUI

Prissiano (Merano) | A pochi passi dall’abitato di Prissiano sorge questa stazione Kneipp che asseconda i principi del fondatore del metodo. Molto curato nei dettagli con corde, corrimani ed elementi legati all’acqua, l’impianto è sempre accessibile. Nei dintorni Castel Wehrburg, antico maniero ora adibito ad hotel | Info QUI

Villabassa (Tre Cime – Drei Zinnen) | Qui si trova il primo villaggio Kneipp für mich® in Italia. É aperto da giugno fino a inizio/metà settembre e nei mesi di luglio ed agosto, l’impianto è custodito tutti i giorni (tranne il martedì) da una istruttrice di salute Kneipp. I trattamenti disponibili sono diversi: il bagno alle braccia, il bagno facciale, la  camminata nell’acqua, il padiglione dell’acqua, la camminata sulla rugiada da fare nel prato dove cresce soprattutto l’alchemilla, le cui foglie piegate come una ciotola, al mattino custodiscono una perla di rugiada, impacchi d’argilla e naturalmente il tradizionale “percorso a piedi nudi
 Sebastian Kneipp”. C’è anche un impianto inalatorio all’aperto, primo nel suo genere in Alto Adige e in Italia, che propone una soluzione salina che scorre sopra i pini mugo e le fascine di prugnolo e ne raccoglie gli olii essenziali: l’aria è calmante per le vie respiratorie. Info: 0474 745136 – info@niederdorf.it | Info QUI

Oasi Kneipp Lago di Zoccolo (Val d’Ultimo) | Una stazione sensoriale che si trova lungo il lago, raggiungibile grazie al sentiero che parte da Santa Valburga e passa oltre la diga. Il percorso ha  un piccolo stagno e oasi ricreative: una grande vasca centrale, sdraio, panche e tavolini, fontane e anche un mulino ad acqua. Noi vi abbiamo raccontato la passeggiata QUI

Il Bagno degli orsi (Solda – Val Venosta) | Questo impianto idrico e naturale, allestito esclusivamente con materiali naturali si trova all’estremità della valle di Solda ed è liberamente accessibile e aperto tutto l’anno, in forma gratuita. Si trova una cascata naturale, una grande vasca Kneipp e un bagno per le braccia. Ad alimentare il tutto è l’acqua di sorgente e tutto è stato progettato secondo i principi dell’idroterapia Kneipp. QUI info (crediti fotografici www.suedtirol.info)

Alto Adige | Altri piccoli impianti

Laives – Questo piccolo e breve percorso si trova presso il centro sportivo Rio Vallarsa. CI sono degli orari di apertura stabiliti (da martedi a domenica dalle 10 alle 21, il lunedì rimane chiuso). Per tutte le info: 335 6276540 (ore 17-19) oppure tourist@leifers-info.it 

Cauria di Pochi (Salorno) – Aperto e ad accesso libero questo impianto regala dei momenti di frescura e si trova nei pressi di Castelfeder sulla Strada del Vino | Info: info@castelfeder.info, 0471 810231

Fiè allo Sciliar (Alpe di Siusi) | Presso il laghetto di Fiè c’è un piccolo impianto Kneipp e una bacheca informativa che offre consigli per godersi al meglio il metodo camminando nell’acqua fresca che arriva direttamente dal laghetto. Questo breve percorso Kneipp attraversa una vasca piena di sassi, stimolando la circolazione e la vascolarizzazione.

Magré sulla Strada del Vino | Tre vasche vicino al campo da tennis in via Parrocchia, 1. La fonte è il torrente di Favogna, che in passato era selvaggio ma che oggi, dopo essere stato bonificato, alimenta le tre vasche Kneipp pensate per piedi e braccia. Una delle vasche (quella per le braccia) ha l’acqua potabile, ma chi vuole può fare i trattamenti direttamente nel torrente! Info: 0471 817251

Parco ricreativo di Rasun di Sotto (Anterselva) | Si tratta di un centro con numerose attività per il tempo libero. Oltre al parco giochi per bambini, c’è un campetto da calcio, un campo da tennis, il minigolf e una palestra all’aperto. Inoltre c’è il potete laghetto delle anatre e un percorso Kneipp. Noi lo avevamo visto e raccontato QUI. Per maggiori info QUI

IN QUOTA | Watles – Lago dei giochi (Val Venosta) – All’interno di un meraviglioso parco giochi in montagna, il lago dei giochi, che si sviluppo intorno a un laghetto poco profondo e che regala momenti di svago davvero unici oltre a offrire un panorama da togliere il fiato, c’è un simpatico percorso kneipp che può essere usato da grandi e piccoli. QUI il nostro racconto

0 commenti